Tutto AS Roma

Dalla manovrina del governo la spinta per lo stadio della Roma (RS Il Corriere della Sera)

Si è pensato anche allo stadio della Roma nella «manovrina» del governo Gentiloni: nei 68 articoli c’è una norma che riguarda la realizzazione dei nuovi impianti. Sono molti i riferimenti che sembrano favorire Tor di Valle, in particolare c’è una modifica che potrebbe agevolare l’iter amministrativo:«Viene stabilito che la conferenza di servizi decide in “modalità sincrona” e anche in modo unificato con quella che esprime la valutazione di impatto ambientale e il verbale conclusivo può costituire adozione di variante allo piano regolatore comunale». Il verbale della conferenza dei servizi, «può costituire adozione di variante al piano regolatore comunale» e quindi passare all’approvazione al consiglio comunale.

L’articolo inoltre ordina l’intero percorso e stabilisce che «lo studio di fattibilità per la costruzione di impianti sportivi deve essere presentato da una società o associazione sportiva, che può associarsi con altri soggetti o consorzi». E, come sta succedendo a Roma, «può ricomprendere anche la costruzione di immobili con destinazione d’uso diverse da quella sportiva, complementari e/o funzionali al finanziamento e alla fruibilità dell’impianto». Non si può non pensare alle torri Libeskind, eliminate dal progetto della giunta Marino su richiesta di Raggi.

Commenti

commenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi