Tutto AS Roma

Nella manovrina spunta la norma per lo stadio (RS La Repubblica)

Nella manovrina correttiva da 68 articoli pronta a esordire in Gazzetta Ufficiale, c’è anche una norma che il governo Gentiloni sembra aver studiato ad hoc per lo stadio della Roma. Nessun riferimento esplicito, ma più di un passaggio sembra tagliato su misura del caso Tor di Valle: realizzazione di immobili non sportivi, diritto allo sfruttamento commerciale dell’area per grandi eventi. E, soprattutto, semplificazione della conferenza dei servizi. Il verbale conclusivo varrà come variante al piano regolatore. Trasmesso al sindaco, andrà quindi sottoposto «all’approvazione del consiglio comunale nella prima seduta utile». Fino a questo momento, invece, l’iter prevedeva il voto in aula e poi l’approdo della modifica al prg in conferenza dei servizi. Tra gli altri punti, quello che rimanda alle tre torri di Libeskind, eliminate dal progetto (ancora in discussione) in favore di 18 palazzine ad alta efficienza elettrica: «Lo studio di fattibilità può ricomprendere anche la costruzione di immobili con destinazione d’uso diverse da quella sportiva».

Al netto delle novità, in Campidoglio rimane, però, aperto un interrogativo. Come si comporteranno gli ortodossi M5S quando si passerà al voto sulla nuova arena giallorossa? Tra contrarie e astenute, il conto è sempre fermo a sei «no». Che, se la FormulaE diventerà un precedente, potrebbero tramutarsi in quelle che l’opposizione ha già iniziato a chiamare «defezioni tattiche». Ieri, infatti, in aula non si è vista Alisia Mariani, una delle due consigliere M5S residenti all’Eur che si è schierata contro l’E-Prix. «Purtroppo non eravamo in maggioranzaa non essere d’accordo», si è sfogata su Facebook poche ore dopo aver lasciato il suo scranno vuoto. Commento secco, fulminante quanto la sua assenza nel giorno in cui la mozione sulle monoposto green è stata approvata all’unanimità. Presente, invece, Alessandra Agnello. Il suo soffertissimo «ok» è arrivato soltanto dopo che Andrea De Priamo (FdI) ha ottenuto la modifica della mozione, invitando la sindaca Virginia Raggi a coinvolgere le associazioni di quartiere e a vigilare sul decoro e sulla cura del verde pubblico prima e dopo la gara.

Commenti

commenti

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi