Diego, rigore e fascia per l’amico ritrovato

0
22

Cinque punti (e una partita) meno della Lazio terza, prima del fischio d’avvio di Guida. Divieto di sosta a Verona per una Roma a caccia di un posto Champions e anche del primato cittadino, che nella Capitale non è mai traguardo banale. Il bilancio dopo il fischio finale dell’arbitro di Torre Annunziata parla di una Roma tosta e vittoriosa, quindi sempre a due punti dal terzo posto. E con un protagonista ritrovato: Perotti. Bene così.

IL CAPITANO – C’era molta attesa per vedere all’opera la squadra di Paulo Fonseca ancora in trasferta dopo la convincente prestazione in Europa League a Istanbul. Roma senza lo squalificato Zaniolo (meglio, si era detto da più parti, pensando all’Inter di venerdì prossimo) e con il ritrovato Cengiz Under titolare dopo una vita (prestazione anonima, quasi dannosa) sulla destra.

Roma due volte in vantaggio nella prima frazione contro un avversario avvelenato, spigoloso e molto pericoloso nella fase offensiva. Da applausi a scena aperta l’assist-gol di un immenso Pellegrini (strano…) per Kluivert e applausi convinti anche per la scelta della squadra di far calciare il rigore a Perotti, entrato in campo da pochissimo al posto dell’infortunato Kluivert.

Come dire: Diego, anche se in questo periodo stai giocando poco per noi sei ancora fondamentale. Un forte segnale di gruppo, ma- gari un filo rischioso, ma di grande portata come evidenziato dagli ultimi minuti di gara. Partita chiusa all’intervallo? Impronosticabile. Campo pesante, pioggia in abbondanza e soprattutto fase difensiva, quella della Roma, non all’altezza delle partite precedenti. Specie sulla corsia alla destra di Pau Lopez, mal coperta da entrambi gli esterni di Fonseca.

Secondo tempo di contenimento quasi puro, per la Roma, spezzato da ripartenze mal gestite e quindi inutili. Una Roma votata alla difesa totale quando Dzeko ha lasciato il campo per far posto a Fazio. Una Roma apparentemente troppo rinunciataria, in parole povere, con più difensori che attaccanti.

Una scelta tecnica indirizzata probabilmente a congelare il risultato e che, invece, ha consentito alla squadra giallorossa di andare ancora a segno con Mkhitaryan (entrato al posto dell’evanescente Under), servito al bacio da Perotti con la fascia di capitano al braccio. Già, Perotti, quello che era tornato a essere un giocatore vero quando la squadra gli aveva lasciato tirare il calcio di rigore.

FONTE: Il Messaggero – M. Ferretti

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui