«Fuori dalla realtà»: la società vuole portare Totti in tribunale

0
132

Rasa al suolo e quindi da ricostruire: la Roma esce disintegrata dallo tsunami partito dal Salone d’Onore del Coni. Adesso è come se dovesse ricominciare da zero per affacciarsi sul futuro che oggi non c’è. Scoperto il bluff. Ma la replica al Capitano è immediata: «La sua percezione dei fatti e delle scelte adottate dal Club è fantasiosa e lontana dalla realtà».

Pallotta urla la sua rabbia e studia se sarà possibile adire le vie legali (turbativa d’asta e non aggiotaggio): l’immagine della società a stelle&strisce esce dilaniata e svalutata. In Italia e soprattutto all’estero. Chi lavora nella Capitale è spiazzato e mortificato dalla verità dell’ex capitano e, da venerdì, anche ex dirigente. Perché Totti, più sincero di quanto avessero messo in preventivo i suoi cari nemici vicini e lontani, strappa improvvisamente il velo d’omertà usato per coprire, da 8 anni, quanto di peggio si è consumato dentro il club giallorosso.

Accantonato l’hashtag #famostostadio, ecco pronto il nuovo: #bonificamotrigoria. Guido Fienga, il nuovo ceo, ha la responsabilità più grande. Anche l’ex numero 10 ne ha rafforzato il ruolo, descrivendolo come l’unico ancora credibile. Bisogna vedere se da solo (non avrà al fianco il dt, carica scelta su misura per Francesco), per ora, gli riuscirà il repulisti, allontanando spie, antiromanisti, incompetenti e addirittura «accoltellatori».

VIA AL RIDIMENSIONAMENTO Totti, raccontando il colloquio avuto con Conte, ha spiegato che la Roma va verso l’ennesima rivoluzione. Cioè non sarà migliorata, ma rifondata. Sbarcherà il nuovo allenatore Fonseca e il 1° luglio sarà comunque ufficiale anche il ds Petrachi. Ecco le prime pietre da posare. Ma poi c’è la squadra, cioè la rosa. Che perderà alcuni titolari: De Rossi è già uscito di scena, presto lo faranno pure Manolas, Dzeko e Kolarov. L’obiettivo di Fienga (e Petrachi) è piazzare il colpo di mercato che possa riportare un po’ di entusiasmo tra i tifosi. Subito il top player.

Da individuare, però. Icardi sarebbe l’ideale, anche per l’età. Ok Higuain, con la valutazione attenta comunque del profilo. Ma questi centravanti si portano sulla bilancia pure il peso insopportabile, almeno per il club giallorosso, del loro stipendio: 6 milioni Mauro, 7 più bonus Gonzalo. Significherebbe andare contromano: Pallotta, con la mancata partecipazione alla Champions, pretende la drastica riduzione del monte ingaggi. Meglio spendere per il cartellino del giocatore che per il suo salario.

PACCHETTO COMPLETO L’input del presidente, insomma, è la cura dimagrante a Trigoria, abbassando la spesa annuale per la gestione tecnica e al tempo stesso l’età del gruppo. La Roma, costando meno e soprattutto più giovane, diventerebbe più facile da proporre in un’eventuale negoziazione: su piazza e anche oltre confine. Più che l’appeal, sarebbe la convenienza. Gli stessi emiri, ultimamente accostati alla Roma (con le smentite ripetute, però, di Pallotta) non regalano dollari per il pianeta. I ricchi scemi non esistono più. La cessione è l’unica exit strategy della proprietà Usa, anche se il presidente bostoniano ha assicurato che andrà avanti ancora a lungo.

Pure nel comunicato di ieri sera in cui ha ribadito che non ha alcuna intenzione «di mettere la società in vendita adesso o in futuro». Può darsi che sia vero. Almeno fino a quando non avrà i permessi per costruire lo stadio di proprietà. E la mossa degli ultimi giorni, con il piano B di Fiumicino che è l’alternativa credibile all’impianto di Tor di Valle, non fa altro che rafforzare l’ipotesi della cessione del club giallorosso. Totti, sull’argomento, è andato cauto. Sa che il brand interessa, ma non ha mai incontrato interlocutori pronti a mettere nero su bianco. O quantomeno a trattare con il fondo Raptor.

La nota da Boston sa di avvertimento: «Riguardo ai ripetuti riferimenti al suo possibile ritorno con l’insediamento di una nuova proprietà, in aggiunta alle informazioni raccolte da lui in tutto il mondo circa soggetti interessati al Club, ci auguriamo che questa non sia un’anticipazione inopportuna di un tentativo di acquisizione: scenario che potrebbe essere molto delicato in considerazione del fatto che la Roma è quotata in borsa».

I bookmaker hanno però colto al volo il desiderio di Francesco di tornare in caso di cambio di proprietà: la sigla Sisal Matchpoint quota a 6,00 l’addio degli americani entro il 30 giugno 2020. Puntata lunga un anno per riportare a casa il Capitano. Anche la Borsa scommette forse su qualcosa che verrà: prima scende, poi risale e chiude a + 1,59.

FONTE: Il Messaggero – U. Trani

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui