Giannini: «Ma il 26 maggio vada al mare con la famiglia»

0
274

Giuseppe Giannini, come Francesco Totti, è uno dei pochi che sa realmente quello che sta provando in queste ore De Rossi. Anzi, il Principe – rispetto ai suoi successori – visse addirittura una duplice beffa. Perché impossibilitato a salutare la tifoseria in campionato all’Olimpico il 12 maggio del 1996 contro l’Inter (era squalificato), lo fece con una festa postuma (nel 2000), rovinata da un mix di amore nei suoi confronti e rabbia della tifoseria verso la precedente gestione, a tre giorni dalla vittoria dello scudetto della Lazio.

Trova analogie con il suo addio? «Tante ma è trascorso tanto tempo e alcune persone non ci sono più. Sarebbe indelicato». Come ha reagito quando è venuto a conoscenza della notizia? «Male. Sono nervoso, amareggiato, deluso. Un altro pezzo di storia che viene scaricato e allontanato. Mi dispiace, meritava ben altro. Uno che fa oltre 600 presenze con la Roma non può essere salutato con mezz’ora di conferenza stampa o un ringraziamento via tweet. Mi auguro solo che non sia un’indicazione del prossimo tecnico. L’unica cosa che mi ha fatto sorridere è quando Daniele ha detto che la sua auto va in automatico a Trigoria. Mi ha rubato una frase di 20 anni fa. Da casa impiegavo 12 minuti e posso raccontarle anche come erano posizionate le buche».

Dopo l’addio, lei fece un’esperienza allo Sturm Graz e poi accettò offerte dal Napoli e dal Lecce. E fu rimproverato… «In molti si dimenticano che lo feci soltanto per Mazzone. A Napoli, quando il mister venne allontanato dopo un mese, andai subito in sede e rescissi il contratto».

Che cosa consiglia a De Rossi? «Di andarsene al mare con la famiglia il giorno di Roma-Parma. Sarebbe un segnale forte. C’è poi il rischio, come accadde con me, che un giorno di festa si trasformi in una contestazione forte nei confronti del club. Tanto la gente che gli vuole bene, ora che lo sa, andrà in trasferta per salutarlo».

In città, alcuni lamentano una presa di posizione di Totti nella vicenda. Condivide la critica? «Francesco sa come la penso. Tre mesi fa ci siamo incontrati e mi sono permesso di dargli qualche consiglio. Su tutti, quello di andare dal presidente, parlargli e chiedere un ruolo importante. Ognuno poi fa quello che ritiene più opportuno. Se a lui sta bene così…»

FONTE: Il Messaggero – S. Carina

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui