ROMA-LIONE Spalletti: ‘Era giusto fare il terzo gol. Non capisco’

0
2

Si può commentare un’eliminazione del genere in maniera razionale? “Il credere di poter raggiungere una cosa. Se ci credi con la testa, i muscoli e il cuore, poi la fortuna ti dà una mano: è quello che abbiamo fatto stasera, per cui non capisco come alcuni episodi siano andati a nostro sfavore. E’ vero che laggiù non siamo stati bravi nel secondo tempo, e che abbiamo commesso qualche errore, però a loro è girato tutto bene. E mi dispiace, mi rode, anche per i tifosi: era giusto fare il terzo gol. Ci sta di prendere un gol da loro, però alla prima occasione l’hanno subito suggellata mentre noi si è andati dalle parti loro colpendo pali, traverse e via dicendo: forse porto sfiga io, non c’è altra spiegazione; non capisco come si permetta ai giocatori di stare dieci cinque minuti per terra, ogni volta: è una roba antisportiva, brutta, mi meraviglio dell’UEFA che propugna la correttezza, il fair-play”.

Non era meglio togliere uno degli attaccanti (che non hanno fatto bene), per non perdere il controllo del centrocampo? “Hai pienamente ragione”.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui